«Archivio Multimediale degli Attori Italiani», Firenze, Firenze  University Press, 2012.
eISBN: 978-88-6655-234-5
© Firenze University Press 2012

Attore > cinema, teatro, radio
NomeIrma
CognomeGramatica
Data/luogo nascita25 novembre 1869 Rijeka (HRV)
Data/luogo morte14 ottobre 1962 Tavarnuzze di Impruneta (Firenze)
Nome/i d'arte
Altri nomiGramatica, Maria Francesca (nome anagrafico); Cottin
  
AutoreDaniela Sarà (data inserimento: 02/12/2011)
Irma Gramatica
 

Sintesi | Famiglia| Formazione| Interpretazioni/Stile| Scritti/Opere| Testo completo

 

Biografia

La bambina trascorre poi un periodo a Stigliano nei pressi di Siena o a Staglieno nel genovese (al riguardo, in mancanza di documenti diretti, si riporta quanto affermato in maniera discordante nei repertori): visti i recenti impegni teatrali si tratta probabilmente di un soggiorno della durata di pochi mesi. Come afferma nell'autobiografia, a dieci anni Irma si trasferisce infatti a Firenze, dove entra nel Collegio delle Dorotee; la data di ammissione nell'istituto, dove per quasi cinque anni le sono impartite lezioni di canto e pianoforte, dovrebbe collocarsi dopo la prima metà del 1879. A quattordici anni e mezzo si ricongiunge con i genitori, all'epoca attivi a Roma nella Compagnia Nazionale diretta da Paolo Ferrari: l’anno comico è il 1884-1885; a differenza dei familiari, che figurano nell’elenco della compagnia, la giovane non risulta tra gli scritturati.

Nel 1885-1886 è ingaggiata con la famiglia nella formazione di Cesare Rossi ed Eleonora Duse, impegnata tra aprile e dicembre 1885 in una lunga tournée in Sud America, con tappe in Uruguay (Montevideo), Argentina (Buenos Aires) e Brasile (Rio del Janeiro). Nell’autobiografia Irma afferma che, in seguito all'indisposizione di un generico, prima della partenza è chiamata ad interpretare la piccola parte maschile di Dimitri nella Fedora di Victorien Sardou al Teatro Valle di Roma, distinguendosi in personaggi minori di altre produzioni. L'esordio potrebbe essere avvenuto alla fine del febbraio 1885, quando la Compagnia Rossi-Duse propone al Valle il dramma francese (al riguardo si veda in AMAtI l’elenco degli spettacoli della compagine legato alla voce Eleonora Duse).

Iniziato sotto i migliori auspici, il soggiorno sudamericano vede Irma, appassionata di canto, assistere regolarmente con la madre agli spettacoli d'opera italiana a Buenos Aires. A Rio de Janeiro però l'atmosfera cambia decisamente, funestata dalla scomparsa dell'Amoroso Arturo Diotti per febbre gialla; la stessa Irma manifesta i primi segnali di squilibrio tentando il suicidio, seppure in maniera del tutto inefficace (cerca a sua volta di contrarre la temibile malattia nutrendosi di frutta esotica); nell'autobiografia non spiega il motivo dell'atto: parla in maniera reticente di alcune difficoltà legate a un grande dolore interiore, di origini non sentimentali.

Alcune recenti voci di repertorio sull'attrice riportano la notizia, non suffragata da documenti diretti, secondo la quale, stringendo una relazione con Tebaldo Checchi, durante il soggiorno sudamericano la Gramatica sarebbe stata coinvolta nelle tormentate vicende della conclusione del matrimonio tra quest'ultimo e la Duse, comunque potentemente minato dal legame nato tra Eleonora e il Primo attore Flavio Andò. Questa notizia è avallata da voci di addetti ai lavori, come le dichiarazioni rilasciate nel 1953 dall'attore Ciro Galvani in un'intervista al giornalista e scrittore Orio Vergani. Pochi anni prima della morte la stessa Irma compila un ricordo personale su Checchi, che consegna all'amica Franca Dominici per una futura pubblicazione, un lavoro che lei considera delicato e da divulgare con riserbo (per maggiori dettagli si veda la sezione Scritti/Opere).

Tornata in Italia, continua a recitare nella formazione della Duse, dove è scritturata anche nel 1886-1887. Il 15 luglio 1886 sposa l'attore Arnaldo Cottin, di cui aveva approfondito la conoscenza durante la tournée sudamericana, e nel 1887-1888 è ingaggiata col marito nella Compagnia Nazionale, al fianco dei primi attori Graziosa Glech e Giuseppe Bracci. Successivamente si prepara alla mediocre «sorte di tante mogli attrici», priva di gratificazioni, in cui presto l'attività teatrale si trasforma, come afferma lei stessa, in una «cosa falsa che non mi dava mai nessuna emozione» (Irma Gramatica, Tutta qui la mia vita, «Il Dramma», a. XXXVIII n. 309, giugno 1962, p. 49); con il marito entra in varie compagini secondarie dirette da Adolfo Aleotti - prima in società con Luigi Cerruti, Cesare Dondini e Romolo Lotti (1888-1889), poi con lo stesso Cottin, Castruccio Lucchesi ed Enrico Cuneo (1889-1990) - formazioni specializzate nel repertorio francese (drammi di Sardou e di Alexandre Dumas fils), con le quali la giovane comincia talvolta a ricoprire parti da protagonista.

 
<< Precedente 1   ( 2 )   3   4   5   6   7   8   9   Successiva >>
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
Progettazione tecnica a cura di