«Archivio Multimediale degli Attori Italiani», Firenze, Firenze  University Press, 2012.
eISBN: 978-88-6655-234-5
© Firenze University Press 2012

Attore > cinema, teatro, televisione, radio
NomeEmma
CognomeGramatica
Data/luogo nascita25 ottobre 1874 Borgo San Donnino (Parma)
Data/luogo morte08 novembre 1965 Ostia (Roma)
Nome/i d'arte
Altri nomiGramatica, Emma Aida Argia (nome anagrafico)
  
AutoreDaniela Sarà (data inserimento: 05/12/2011)
Emma Gramatica
 

Sintesi | Famiglia| Formazione| Interpretazioni/Stile| Scritti/Opere| Testo completo

 

Biografia

Emma Gramatica nasce a Borgo San Donnino (oggi Fidenza), nei pressi di Parma, il 25 ottobre 1874, da Domenico, suggeritore e interprete teatrale, e dall'attrice di origini ungheresi Cristina Bradil. I dati sui suoi esordi sono desumibili dalle indicazioni fornite dalla sorella Irma nell’autobiografia e dagli elenchi delle compagnie editi sulla rivista specializzata «L'Arte drammatica». Figlia d'arte, nei primi anni di vita segue i genitori che al momento della nascita sono scritturati nella formazione di Giovanni Aliprandi e Carlo Romagnoli, dove rimangono per tutto l'anno comico 1874-1875.

Tra il 1875 e il 1883 i Gramatica passano nella Compagnia Zerri-Grassi, diretta da Luigi Monti, che nel 1876-1877 assume il nominativo «Fanny Sadowsky» in onore della celebre attrice; prima donna è Enrichetta Zerri Grassi, figlia di Luigi Zerri e moglie di Vespasiano Grassi, intestatari dell'impresa. Negli elenchi della formazione pubblicati su «L'Arte drammatica» non sono specificati gli interpreti designati per le «parti ingenue», ma si può ipotizzare che Emma inizi a recitare già a quest'altezza cronologica. Successivamente segue i genitori nella formazione dello Stenterello Raffaello Landini, dove è scritturata per l'anno comico 1883-1884, probabilmente ancora per le «parti ingenue», e nella Compagnia Nazionale diretta da Paolo Ferrari, dove è ingaggiata per il 1884-1885.

Nel 1885-1887 passa con la famiglia nell’impresa diretta da Eleonora Duse e Cesare Rossi: inizia così una fondamentale fase con la grande capocomica, protrattasi ad intermittenza per molti anni, basilare per l'apprendimento della pratica interpretativa e per l'ampliamento degli orizzonti culturali (per maggiori dettagli si veda la sezione Formazione). I momenti salienti del lungo periodo di apprendistato sono da lei stessa rievocati nel programma radiofonico I ricordi di Emma Gramatica, trasmesso in sette puntate a cura di Tito Angeletti tra il 19 maggio e il 26 giugno 1954 (alcuni brani sono riportati nella sezione Audio). Anche se per ora relegata ai margini dell'attività della compagnia, Emma rimane profondamente suggestionata dalla Duse. In virtù della relazione confidenziale intrattenuta tra la grande attrice e la madre Cristina, che svolge nella formazione anche mansioni sartoriali, tra la capocomica e la piccola Emma si instaura un intenso rapporto; nella sfera affettiva della grande attrice, la giovane tenderà a surrogare negli anni la figura della figlia Enrichetta Marchetti, per scelta tenuta lontana dalla propria vita professionale.

L'evento centrale del biennio comico è la tournée sudamericana realizzata tra aprile e dicembre 1885, con tappe a Montevideo (5 maggio-17 giugno), Rio de Janeiro (25 giugno-16 settembre) e Buenos Aires (4 ottobre-3 dicembre): si tratta del celebre viaggio che segna la rottura del matrimonio tra la Duse e Tebaldo Checchi, nelle cui dinamiche è probabilmente coinvolta anche Irma Gramatica. Nei suoi ricordi Emma ripercorre l'intenso rapporto di amicizia stretto con l'Amoroso Arturo Diotti, che le legge poesie di Giosué Carducci e Lorenzo Stecchetti, innamorato non corrisposto della Duse e scomparso prematuramente a Rio de Janeiro; sullo sfondo sono delineate le figure della capocomica, addolorata per la morte del suo scritturato, e del Primo attore Flavio Andò, divertito dalle buffe sortite della bambina. Per alcuni anni la Gramatica interrompe la collaborazione con la grande attrice: nel 1887-1888 recita nella formazione di Giuseppe Pietriboni, mentre nel 1889-1890 si esibisce nell'impresa condotta dal cognato Arnaldo Cottin in società con Adolfo Aleotti, Enrico Cuneo e Castruccio Lucchesi, con la quale compie un secondo viaggio sudamericano, funestato dalla scomparsa, in Italia, del nipotino nato due anni prima da Irma e Cottin. 

Tra il 1890 e il 1894 è scritturata dalla Duse nella Compagnia Città di Roma, probabilmente come Seconda amorosa, ma partecipa regolarmente all'attività solo a partire dal 1892. Nei suoi ricordi Emma rievoca i momenti salienti dei 'giri' teatrali intrapresi con la Duse, che vantano tra gli organizzatori anche il suo padrino Alberto Buffi; il primo vede la formazione esibirsi a Barcellona tra agosto e settembre 1890: la Gramatica, considerata dalla capocomica «il suo cucciolo» (Emma Gramatica, A Mosca e a Vienna, in I ricordi di Emma Gramatica, trasmissione radiofonica a cura di Tito Angeletti, primavera 1954), segue la grande attrice nei momenti di pausa dagli impegni professionali, dedicati alla visita della città. Seguono due viaggi in Russia, effettuati tra marzo e giugno 1891 (con tappe a Pietroburgo, Mosca, Char'kov e Odessa) e tra novembre 1891 e febbraio 1892 (con tappe a Mosca, Pietroburgo, ancora Mosca, Char'kov e Kiev): nel primo Emma continua a seguire la capocomica nell'esplorazione dei luoghi che le ospitano, approfittando delle ore notturne per imparare il francese da autodidatta. Alla notizia della morte di Alessandro Duse, padre di Eleonora, trascorre molto tempo vicino alla capocomica, dormendo addirittura una notte al suo fianco, «distesa silenziosa per terra sul tappeto presso il suo letto come il suo cucciolo» (ivi).

 
( 1 )   2   3   4   5   6   7   8   9 10 11   Successiva >>
Firenze University Press
+39 0552743051 - fax +39 0552743058
Borgo Albizi, 28 - 50122 Firenze

web:  http://www.fupress.com
email:info@fupress.com
Progettazione tecnica a cura di